Top
Image Alt

Author: admin

ari lettori,[br] a volte mi viene chiesto (e lo stesso capita, credo, anche ad altri archeologi) quale sua stata la scoperta archeologica più affascinante alla quale ho assistito nella mia carriera professionale. Forse una moneta d’argento, o persino d’oro? O un

ari lettori,[br] ecco un nuovo anno e a Paestum esponiamo come “pezzo del mese” un orologio solare: un’antica meridiana.[br] Le ore, dal greco horai, erano in origine le stagioni dell’anno, sorelle delle Moire, le terribili divinità del destino. Solo in seguito, la

ari lettori,[br] “La dea con le armi” – è questo il titolo di una mostra che abbiamo realizzato insieme all’università di Salerno e che potete adesso ammirare nel Museo di Paestum. Il riferimento è ad Athena, che spesso viene rappresentata con scudo,

ari lettori,[br] mentre tra Cilento e Alburni si raccolgono le olive e il vino, noi ci prepariamo a raccogliere nuovi dati sulla storia di Paestum: stiamo avviando la seconda campagna di scavo stratigrafico nell’abitato dell’antica città, nel quartiere immediatamente alle spalle

ari lettori,[br] ho sempre pensato che un museo sia più di un luogo dove si espongono oggetti antichi.[br] Certo, la conservazione, la ricerca e la trasmissione del patrimonio archeologico restano il nostro compito centrale. Ma il museo può e deve essere

Tra i ritrovamenti più spettacolari esposti nel museo spiccano le metope (lastre scolpite che decoravano un grande tempio) provenienti dall'Heraion di foce Sele, e la tomba cosiddetta “del Tuffatore”