Top
Image Alt

Restauri

  • Direzione scientifica: Archeologo D. Rossetti - Restauratore: F. Calceglia. Obiettivi: Ripristino dell’integrità a seguito di evento traumatico. Descrizione: Documentazione fotografica dello stato frammentario, consolidamento dei singoli frammenti con formulazione a base di polimeri acrilici, incollaggio dei frammenti con resina bicomponente, integrazione materica con stucco a base di gesso alabastrino, integrazione pittorica in tinta neutra.

  • Direzione scientifica: Archeologo D. Rossetti - Restauratore: P. Stasi. Obiettivi: Ripristino dell’integrità a seguito di evento traumatico. Descrizione: Documentazione fotografica dello stato frammentario, ricerca documentale per rintracciare ulteriori frammenti conservati nei depositi. Pulitura meccanica con microtrapano e matita abrasiva, trattamento anti-corrosivo con controllo del pH superficiale, consolidamento dei frammenti per immersione in resine polimeriche. Incollaggio dei frammenti di lamina con resina bicomponente pigmentata e ricostruzione delle parti mancanti con stucco bicomponente in pasta a base di resina poliestere.

  • Direzione scientifica: Restauratore: P. Stasi Obiettivi: Ripristino dell’integrità a seguito di evento traumatico per esposizione nel museo Descrizione: Documentazione fotografica dello stato frammentario, rimozione di vecchi interventi di restauro particolarmente invasivi, lavaggio con acqua demineralizzata in vasca vibrante, pulitura meccanica con microtrapano e matita abrasiva, trattamento anti-corrosivo con controllo del pH superficiale, consolidamento dei frammenti per immersione in resine polimeriche. Incollaggio dei frammenti di lamina con resina bicomponente pigmentata e ricostruzione delle parti mancanti con stucco bicomponente in pasta a base di resina poliestere, costruzione dei supporti in policarbonato per garantire la sicurezza anche in fase di deposito.

  • Sempre più accessibilità al Parco Archeologico di Paestum con il "Restauro in vetrina"! Ogni giorno, è possibile osservare e partecipare al restauro dei frammenti architettonici del quarto tempio di Poseidonia, rinvenuto lo scorso giugno. Tra pennelli, spatole, raschietti e soluzioni chimiche, i restauratori del Parco mostrano come si compie il loro prezioso lavoro e, soprattutto, l'importanza di un intervento di restauro per preservare materiali archeologici così importanti. Per l'occasione è stato impiantato un laboratorio ah hoc nella cella, per accogliere i visitatori e colloquiare con loro su questi fondamentali aspetti. Da restaurare sono capitelli, colonne, cornicioni e triglifi recuperati fortuitamente presso la porzione